PREMIO CRONIN 2020

XIII EDIZIONE

SEZIONE NARRATIVA
PRESIDENTE DI GIURIA
Giovanni Farris

Sacerdote, critico letterario; ha tenuto corsi di Filologia Italiana all’Università di Genova.

Ha pubblicato vari saggi sulla Divina Commedia e sul savonese Lorenzo Traversagni.

Autore di numerose pubblicazioni nel campo della storia letteraria, si è occupato in particolare dei rapporti tra letteratura e religione, dell’Umanesimo, dei poeti del ’900, Barile, Sbarbaro, Montale, e dei poeti del secondo futurismo.

Dirige varie collane letterarie e storiche.

Circa la storia di Savona, ha pubblicato la collana di “Inediti e scritti rari” promossa dal “Centro Storico Filippo Noberasco”.

...

E' stato uno dei tre componenti la prima giuria alla prima edizione (2008) del Premio.

E' il decano in assoluto fra tutti i giurati del Cronin, 

Dopo un anno di assenza, dalla sesta edizione (2013), è stabile presenza in giuria nella sezione narrativa (ma annovera presenze passate anche in quella della poesia). 

 
SEZIONE POESIA
PRESIDENTE DI GIURIA
 
Silvio Riolfo Marengo

Giornalista, poeta, critico d’arte. Nato a Castelvecchio di Rocca Barbena. Laureato in Giurisprudenza all’Università di Genova, ha insegnato diritto nelle scuole superiori e nel 1976 si è spostato a Milano, dove ha diretto le redazioni “Grandi Opere” della casa editrice Garzanti, di cui è stato anche amministratore. Non ha mai dimenticato la Liguria.

E' direttore responsabile della rivista culturale ligure “Resine” e vicepresidente della Fondazione d’arte contemporanea Milena Milani. Ha scritto saggi e articoli dedicati all’arte e alla letteratura su “Il Lavoro”, “Il Corriere Mercantile”, “Il Sole - 24 ore” ed è stato membro del Comitato scientifico del Centro mondiale della poesia di Recanati

...

E' stato uno dei tre componenti la prima giuria formata alla prima edizione (2008) del Premio (all'epoca di taglio provinciale savonese). Dalla sesta edizione (2013), dopo alcuni anni di assenza, è stabilmente in giuria per la sezione poesia.

SEZIONE SAGGISTICA
PRESIDENTE DI GIURIA
Giovanni Assereto

Giovanni Assereto (Savona, 1946) è stato ordinario di Storia moderna presso l’Università di Genova. Tra le sue pubblicazioni: La città fedelissima. Savona e il governo genovese tra XVI e XVIII secolo, Savona 2007; «Per la comune salvezza dal morbo contagioso». I controlli di sanità nella Repubblica di Genova, Novi L. 2011; «Un giuoco così utile ai pubblici introiti». Il lotto di Genova dal XVI al XVIII secolo, Roma 2013. Nel 2007 ha curato per Laterza, con Marco Doria, una Storia della Liguria; nel 2009, con Nicola Calleri, ha pubblicato per Slow Food Tagli scelti, un’antologia di scritti di Giovanni Rebora.

 
SEZIONE TEATRO
PRESIDENTE DI GIURIA
Jacopo Marchisio

Laureato  in Teatro e Drammaturgia dell'Antichità a Genova.

Seminari, laboratori e spettacoli con Simona Guarino,  Annapaola Bardeloni,  Marco Ghelardi,  Luca Lamari,  e Laura Bigatto.
Dal 1997 al 1999  interprete nel laboratorio stabile, a Savona,  "I Coribanti".

Dal 1999 al 2003 nella compagnia "Corrales".

Dal 2001 nella compagnia savonese "I Cattivi Maestri".

Interprete di "Giulietta e Rahman" di Vico Faggi (Pedagogo), "Anfitrione" di Plauto (Mercurio), "L'amore delle tre melarance" di Carlo Gozzi (Pantalone), "Augusto" di Annapaola Bardeloni (Prometeo), "Il nemico interno" di Marco Ghelardi (Gilberto), "Il drago" di Evgenij Schwarz (Lancellotto) e altri testi classici e contemporanei.

Regista e interprete (Mozart) di "Mozart e Salieri" di Aleksandr Pushkin e - con Francesca Giacardi - di "Questa sera ciascuno recita a suo modo" da due drammi di Luigi Pirandello (Dottor Hinkfuss).

Mimo figurante in "Bastiano e Bastiana" di Mozart a Vado Ligure (regia di Filippo Tonon, direttore Pietro Borgonovo).
Autore del saggio "Seneca e le ragioni del palcoscenico" edito da Natruss Communication e adottato presso l'università di Genova (Teatro e Drammaturgia dell'Antichità).